SureDoc: ancora più collaborativo e abilitante

La nuova frontiera delle tecnologie immersivi

SureDoc, la soluzione di punta sviluppata da Mobiix per digitalizzare qualsiasi procedura di raccolta dati, si completa, abilitando la tecnologia disponibile sui prodotti in cui è installato siano essi tablet e o smartphone. Attraverso l’impiego di intelligenza e visione artificiale e di tecnologie immersive segna un nuovo traguardo nella collaborazione uomo-macchina.

Tutte le più recenti ricerche evidenziano un mercato in forte crescita per le tecnologie immersive. Cambiano anche i settori di applicazione: entro il 2022, secondo il report di Gartner “The Future of Immersive Experience”, il 70% delle aziende avrà sperimentato soluzioni immersive ed il 25% le avrà impiegate a fini produttivi.

Per consentire la trasformazione della ricerca in opportunità, la tecnologia deve “collaborare” a costruire un valore reale per gli utilizzatori. Mantenendo la sua vocazione di assistente virtuale, SureDoc evolve per integrare le innovazioni che rappresenteranno un’enorme opportunità per le imprese.

L’impatto positivo sarà duplice: i progressi nelle tecnologie personali disponibili potranno migliorare drasticamente le prestazioni applicative, guidando allo stesso tempo un’evoluzione organizzativa altamente redditizia.

Le soluzioni SureDoc incorporano i flussi di lavoro, ponendo l’accento sulla sicurezza dei dati per rispettare le normative e promuovere la fiducia.

Fino ad oggi SureDoc ha consentito di effettuare la raccolta dati – da semplici questionari a documenti complessi come rapporti d’intervento tecnico, duvri, questionari d’ispezione e controllo – integrandola con, fotografie, filmati, registrazioni audio, oltre che con la posizione geografica e la rilevazione dell’orario in cui si crea il documento.

Attraverso la Computer Vision (CV), sarà possibile l’elaborazione e l’analisi di immagini e video reali da cui estrarre informazioni contestuali e significative. La VA e Virtual Enterprise Assistant (VEA) creerà un’esperienza utente ausiliaria e abiliterà servizi specifici per ogni tipologia applicativa. Ad esempio, potrà accompagnare il tecnico operatore, riconoscendo e classificando l’area di intervento, documentando automaticamente l’attività svolta e o da preventivare.

Le soluzioni Wearable, inoltre, potranno garantire maggiore sicurezza e tutela degli operatori, ad esempio monitorandone lo stato fisico attraverso i sensori integrati, intercettando tempestivamente ogni variazione biometrica, o segnalando condizioni ambientali esterne rischiose.

Vuoi saperne di più? Contattaci!

Vai al sito logo-suredoc

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *